Activation Commerciale

(Autore:Alessandra Bonaccorsi)
Il nuovo retail concept Diesel, studiato a quattro mani dall’architetto Masamichi Katayama dello studio giapponese Wonderwall e dal direttore creativo di Diesel Nicola Formichetti, approda a Milano e rivoluziona il Diesel Planet di piazza San Babila, la struttura più grande dell’insegna (887 mq), sviluppata su tre livelli uniti da una scalinata elicoidale in marmo nero Marquinia.

Diesel-piazza-san-Babila

Il concept. Gli arredi sono vintage, sul pavimento sono stati sistemati tappeti persiani e i soffitti in legno si accostano a finiture che esprimono l’anima industrial del marchio come cemento grezzo, acciaio ossidato e legnami di recupero. Per l’esposizione del denim è stata realizzata un’installazione di acciaio inossidabile e vetro, che intende enfatizzare ogni singolo paio di denim. All’interno del Diesel Planet di Milano c’è anche il Bistrot Glorious Cafè di proprietà del gruppo Autogrill S.p.A, ideato in collaborazione con l’Università di Scienze Gastronomiche di Pollenzo (Unisg) con un’offerta gastronomica di prodotti selezionati, preparati secondo tradizione, con un’attenta ricerca per le eccellenze del territorio.

Esperienza di acquisto interattiva. Diesel lancia a Milano anche il nuovo modello di digital retail: attraverso l’applicazione di tecnologie d’avanguardia sviluppate in collaborazione con H-Farm, l’incubatore di start up digitali, di cui la famiglia Rosso fa parte. L’esperienza di acquisto viene dunque arricchita di contenuti interattivi che forniscono informazioni sul prodotto come nel caso dei camerini 2.0 che raccontano al cliente le caratteristiche e i contenuti del singolo capo. I tavoli da lavoro, inoltre, sono di nuova generazione: tramite l’ausilio di tecnologie digitali d’avanguardia sono capaci di riconoscere autonomamente i capi che vi vengono avvicinati. Gli assistenti alla vendita a loro volta sono supportati dai nuovi devices smartphone Samsung Galaxy A5 per fornire informazioni sulle peculiarità di ogni modello e lavaggio.

Fonte: gdoweek.it

(Autore: Anna Muzio)
C’è una nuova partnership nel programma fedeltà di Auchan Retail Italia LaTua!Card con l’entrata di Avios, la valuta di ricompensa viaggi leader nel settore, che offrirà ai clienti la possibilità di convertire i punti della spesa in punti per viaggiare.

Card_tua_3D-Auchan-700x329Avios gestisce infatti la valuta internazionale di ricompensa per i programmi fedeltà di alcune compagnie aeree tra cui Meridiana ClubBritish Airways Executive Club e Iberia Plus.

A partire da marzo 2017, gli iscritti a questi programmi fedeltà residenti in Italia (sono 5 milioni gli utenti di LaTua!Card) potranno ottenere punti Avios anche facendo la spesa presso oltre 1.000 punti vendita – tra ipermercati Auchan, supermercati Simply e negozi Lillapois – in 18 regioni italiane. Riceveranno 1 punto Avios ogni 2 punti LaTua!Card, da utilizzare per numerosi premi di viaggio che includono voli, notti in hotel e noleggi auto.

«L’accordo con Avios apre nuove ed entusiasmanti opportunità per i possessori de LaTua!Card. Il nostro obiettivo è di incoraggiare tutti i clienti che raccolgono i punti LaTua!Card a redimerli, per questo nel nuovo catalogo abbiamo ampliato il ventaglio di scelta dei premi, sia materiali che esperienziali, come l’opportunità di accedere ad un fantastico premio viaggio con Avios. Sognare di volare in vacanza mentre si sta facendo la spesa è la motivazione giusta perché i nostri clienti inizino a convertire i punti LaTua!Card in punti Avios» spiega Marco Filipponi, Loyalty Program Director di Auchan Retail Italia.

Non solo pentole ed asciugamani insomma, i programmi fedeltà evolvono per dare prodotti, servizi e vantaggi sempre più ricchi e vari, per coinvolgere un cliente che, magari, di carte nel portafoglio ne ha ben più di una.

«Siamo estremamente felici di collaborare con Auchan Retail Italia. Avios è una valuta internazionale che conta milioni di iscritti in tutto il mondo: il nostro obiettivo principale è quello di dare valore ogni giorno ai nostri clienti, offrendo loro sempre nuove possibilità di raccolta – ha dichiarato Pier Paolo Bucalo, Country Manager Italy di Avios -. La partnership con LaTua!Card si sposa perfettamente con quest’obiettivo, offrendo a milioni di persone in Italia accesso ai punti Avios e alla nostra ricca offerta di esperienze di viaggio. Contribuisce inoltre ad una maggiore diffusione del brand Avios e del suo valore sul mercato italiano».

Fonte: instoremag.it

(Autore: Alessandra Bonaccorsi)
La tecnologia mobile fa il suo ingresso al Supermercato del Futuro di Coop Lombardia dove viene introdotta la possibilità di pagare con lo smartphone grazie all’ App Mobysign, un mobile payment non legato a nessuno esercente, carrier telefonico, banca, tipo di dispositivo, circuito di pagamento.

supermercato-del-futuro-coop

Mobysign. L’app utilizzata all’interno dello store Coop viene integrata in pochi passaggi da altre App, siti eCommerce, portali di home banking e sistemi cassa e consente agli utenti di uscire di casa solo con il cellulare, fare la spesa come se si avesse il portafogli, dimenticando i pin delle diverse carte. Basta infatti confermare il pagamento sullo smartphone con l’impronta digitale o digitando un pin unico scelto in fase di registrazione, valido per tutti i mezzi di pagamento disponibili per l’utente. L’App Mobysign è scaricabile dai principali store. Perché sia valida bisogna registrare una carta di credito o debito, giftcard, loyalty e il giorno dopo  l’Iban per gli instant payment.

Al Supermercato del Futuro l’innesco della transazione avviene leggendo un QRcode alla cassa; Mobysign in generale offre anche altre modalità, come l’esibizione di un barcode, la digitazione di un numero di telefono o nickname, ed altre ancora. Secondo il CEO di Mobysign, Antonio Bonsignore: “L’App Mobysign ha anticipato i concept della PSD2 ed ha al suo attivo diversi brevetti per la autenticazione del cliente finale, validi in tutta Europa per i più elevati livelli di sicurezza e per l’utilizzo delle più moderne tecnologie in ambito mobile.”

Fonte: gdoweek.it

(Autore: Pambianco News)
Il 20 e 21 marzo il gruppo Prada organizzerà il summit “Shaping a creative future”, in collaborazione con la Yale school of management e il Politecnico di Milano.

PRADA

L’evento ospiterà conversazioni sulle nuove metodologie produttive nel settore fashioninterrogandosi su modalità inedite, e si terrà all’interno della sede del gruppo e della Fondazione Prada.
Rappresentanti del mondo accademico e culturale incontreranno personalità dell’imprenditoria interloquendo sul rapporto tra sostenibilità e innovazione.
Dal 2013 il gruppo Prada pubblica una relazione annuale sulla propria responsabilità sociale, dà vita a un portale dedicato e partecipa alla Commissione sostenibilità, ecologia e ambiente di Camera nazionale della moda italiana.

Tra i relatori, oltre al presidente del CDA di Prada Carlo Mazzi, anche Carlo Capasa di Cnmi, l’architetto Stefano BoeriErnesto Ciorra di Enel, Andrea Morante, presidente di Sergio Rossi e il CEO di Microsoft Italia, Carlo Purassanta.

Fonte: pambianconews.com

(Autore: Alessandra Bonaccorsi)
I 1.065 punti di vendita Carrefour spegneranno le insegne e i totem stradali oggi tra le 18 e le 19 per aderire alla campagna M’Illumino di meno, giunta quest’anno alla diciottesima edizione, ideata e realizzata da Caterpillar, programma in onda su RAI Radio 2.

carrefour

La sede di Carrefour Italia a Milano, inoltre, entrerà in modalità notturna, parzializzando le luci dei propri uffici. Per Carrefour Italia, l’iniziativa rappresenta l’occasione per rinforzare l’attività di incentivazione sulla riduzione dei consumi, rivolta a tutti i propri clienti e collaboratori. Nei negozi, infatti, i clienti sono sensibilizzati all’acquisto di alcuni prodotti Eco Planet, sostenibili e attenti all’ecosistema; ai collaboratori vengono suggeriti accorgimenti e consigli per uno stile di vita sostenibile, in linea con la filosofia e l’attenzione verso l’ambiente, propria di Carrefour. Viene incentivato, ad esempio, l’utilizzo del Car Pooling grazie al quale molti colleghi sul territorio potranno raggiungere il posto di lavoro condividendo l’auto. Carrefour Italia ha anche ideato un coinvolgimento attivo delle famiglie dei propri collaboratori attraverso la pubblicazione sulla intranet aziendale e su Carrefour Life Magazine dei disegni dei bambini dedicati alla loro idea di Supereroe Ecosostenibile.

Gli oltre 1.000 dipendenti della sede di Milano avranno anche l’opportunità di iscriversi al servizio di car sharing elettrico Share’ngo a condizioni molto vantaggiose, per ampliare ancora di più l’utilizzo di un servizio di mobilità.

Fonte: GDOWEEK.IT

(Autore: Food)
Nova Coop inaugura un nuovo servizio completamente gratuito che parte dall’Ipercoop torinese di Beinasco.

Coopdrive-disegno

Nova Coop inaugura Coop Drive, il nuovo servizio che consente in qualunque momento di ordinare la spesa online e andare a ritirarla in automobile ad un apposito punto di ritiro, senza fatica e scegliendo l’orario più comodo. Il servizio è completamente gratuito e parte dall’Ipercoop di Beinasco (Torino).

COME SI USA – Per usufruirne basta collegarsi al sito “La Spesa che Non Pesa” da pc, cellulare o tablet. Dopo aver registrato le proprie credenziali, è possibile munirsi del carrello virtuale in cui caricare la spesa, con tutta la garanzia della qualità e convenienza dei punti vendita Nova Coop. Il menu consente di cercare i prodotti selezionando le diverse categorie merceologiche o inserendo una parola chiave nel motore di ricerca. È possibile ordinare i prodotti anche in base al prezzo o alle promozioni attive al momento. In qualunque fase, prima di aver completato l’ordine, il sistema permette di modificare il proprio carrello. Una volta ultimata la spesa, basterà scegliere l’orario in cui andare a ritirarla (il servizio è garantito già dopo due ore ed è attivo dalle 8.30 alle 20.30, sette giorni su sette) oltre alla modalità di pagamento, che potrà essere effettuato subito online o al momento del ritiro.

I PRODOTTI – Il portale offre più di 10mila tipologie di prodotti delle principali marche(comprese naturalmente tutte le linee Coop), che abbracciano la quasi totalità della gamma offerta nell’ipermercato. Dai prodotti alimentari confezionati, inclusi i Freschi e Freschissimi(ortofrutta, carni rosse e bianche, panetteria e pasticceria, ma anche latticini e surgelati), a tutto il necessario per la cura della persona e la pulizia della casa. In futuro il servizio si arricchirà anche della gastronomia preincartata e dei prodotti ittici freschi.

PROSSIME APERTURE – Entro l’anno attiveremo un secondo Drive in una zona semi centrale di Torino – sottolinea Ernesto Dalle Rive, presidente di Nova Coop – che non sarà agganciato a un ipermercato esistente ma completamente autonomo, e lanceremo la consegna a domicilio. Parallelamente confermiamo tutti gli investimenti già annunciati su Torino e Vercelli e abbiamo in progetto almeno sei nuove aperture nei prossimi anni tra Torino, Ivrea, Giaveno e Asti. Il futuro però è nella capacità di integrare il negozio reale con un’offerta online presidiata di persona. La scelta dell’Ipercoop di Beinasco come sede del primo Coop Drive arriva da lontano. Uno dei centri commerciali più performanti della rete, un ipermercato posto in un centro commerciale con oltre 4 milioni di visitatori annui e un presidio di oltre 65mila soci. Un punto vendita da sempre strategico per la sua posizione, che raccoglie i quartieri più popolosi di Torino Sud e molti insediamenti industriali e di servizi, alla confluenza di strade ad alto traffico come la Tangenziale Sud.

Fonte: foodweb.it

(Autore: Alessandra Bonaccorsi)
L’insegna fondata da Stefano e Antonio Percassi collabora, in occasione del ventennale, con Vogue Italia che ha selezionato sette brand internazionali legati a stilisti emergenti.

Kiko concept store progettato da Kengo Kuma

Il primo punto di vendita Kiko fu aperto il primo settembre 1997. Per festeggiare i vent’anni, il marchio fondato da Stefano e Antonio Percassi ha scelto di collaborare con Vogue Italia, che ha selezionato per l’occasione sette brand internazionali legati a stilisti emergenti. I designer, scelti all’interno del progetto Vogue Talents, celebreranno l’essenza stessa di Kiko e i suoi valori più importanti: il colore, la creatività, il talento e lo stile made in Italy del brand. Gli stilisti selezionati disegneranno sette capsule collection in edizione limitata con la prima collezione disponibile da marzo e l’ultima da novembre 2017.

L’insegna conta la presenza in venti Paesi con più di mille store, un terzo dei quali dislocati in Italia, e con una presenza capillare in Europa oltre a Turchia, Medio Oriente, Stati Uniti, Hong Kong, India e Brasile. La presenza è ancora più ampia nel mondo virtuale: online Kiko è presente in 36 paesi con www.kikocosmetics.com.

Fonte: mark-up.it

(Autore: Raffaella Pozzetti)
Parte il progetto “Insieme rendiamo il mondo più bello”, promosso da Garnier in collaborazione con Carrefour, in favore della formazione dei bambini delle scuole primarie per quanto riguarda la raccolta differenziata e il riciclo degli imballaggi.

JPG-artwork-progetto

 

L’iniziativa, che intende coinvolgere 500 strutture scolastiche nel corso del triennio 2017-2019, verrà supportata anche da un’operazione in store: per tutto il mese di marzo, infatti, per ogni prodotto Garnier acquistato nella rete di punti di vendita Carrefour, verranno devoluti 50 centesimi a sostegno dell’iniziativa.

Del resto, la salvaguardia dell’ambiente è un tema sempre più rilevante agli occhi del consumatore. Secondo la ricerca sulla sostenibilità ambientale Eumetra Monterosa, presentata durante l’evento, la questione è di importanza cruciale per più di due terzi dei consumatori. Clienti, inoltre, che si aspettano azioni concrete anche da parte delle aziende: chiedono ai brand, prima di tutto, maggiori investimenti nei propri stabilimenti di produzione, in modo da renderli meno inquinanti (45% del campione interpellato). In secondo luogo, vorrebbero veder a scaffale più confezioni ecologiche (41%) e prodotti realizzati con ingredienti naturali (35%).

Istanze che Carrefour si sta impegnando a soddisfare. “Per garantire al consumatore prodotti, confezioni e brand green, da tempo ci siamo dati l’obiettivo di stringere partnership con produttori che sposino la causa dello sviluppo sostenibile -puntualizza Grégoire Kaufman, direttore merci e marketing di Carrefour Italia-. Anzi, abbiamo fatto la scelta di non collaborare più con quelle aziende che non dimostrano una volontà di crescita ecoattenta. Non si tratta solo di una valutazione etica, ma di una scelta di crescita aziendale sul lungo termine”.

Fonte: gdoweek.it

(Autore: Chiara Bertoletti)
L’insegna di supermercati (Gruppo Sogegros) lancia una nuova operazione che guarda all’engagement dei clienti Prima Card offrendo la possibilità di convertire i punti in buoni spesa universali.

BASKO

Sogno o Bisogno? Questa l’iniziativa di marketing lanciata da Basko, insegna di Gruppo Sogegross presente in Italia (prevalentemente Liguria) con 60 supermercati e superstore. L’operazione è dedicata ai possessori di Prima Card, la carta fedeltà del retailer, con i quali si punta a rinsaldare il legame attraverso un’inedita possibilità che comunica la messa al centro del consumatore.

A partire dal 7 febbraio, infatti, i punti raccolti facendo spesa potranno essere utilizzati, oltre che per richiedere i più classici premi per la casa (Tognana, Guardini e Laura Biagiotti) per ottenere buoni spesa universali spendibili ovunque. Sarà sufficiente convertirli per acquistare, ad esempio, “un capo di abbigliamento nel proprio negozio preferito, un soggiorno in una meta ambita o addirittura per coprire una rata del mutuo presso il proprio istituto bancario”, sottolinea Giovanni D’Alessandro, Direttore Vendite, Marketing e Comunicazione di Basko.

Un’operazione definita da Basko come primo catalogo “aperto” e che lancia un messaggio di prossimità.

Fonte: mark-up.it

(Autore: Alessandra Bonaccorsi)
A Fiumicino Autogrill potenzia la propria presenza con quattro nuovi concept di ristorazione. L’ultimo in ordine di tempo è Assaggio,  un format pensato per accompagnare i viaggiatori in un tour enogastronomico alla scoperta dei migliori vini regionali italiani selezionati per Autogrill da Zonini 1821.

Assaggio-FCO-1-1024x638

I quattro locali riconducibili a Autogrill sono stati realizzati nella nuova area di imbarco E del T3, inaugurata da Aeroporti di Roma lo scorso dicembre per i voli Extra Schengen. Si tratta di un secondo Bistrot, un secondo Rosso Intenso e del primo Kimbo Caffè Espresso da Napoli.

Ezio Balarini, a capo dell’ufficio marketing di Autogrill, spiega: “La nostra filosofia consiste nel proporre concept originali con un’offerta di qualità tanto nelle aree di sosta stradali quanto negli aeroporti e nelle stazioni di tutto il mondo. Per farlo al meglio, ci avvaliamo anche di preziose collaborazioni con chef stellati; nel caso del nuovo brand Assaggio, con partner come ZONIN1821 Cristina Bowerman, diamo vita a un binomio che ci permette di accompagnare i viaggiatori in un tour enogastronomico all’insegna della cucina fine dining”.

Assaggio. Lo store è un vero e proprio wine and fish bar con servizio al tavolo dove poter gustare l’offerta food supervisionata della chef stellata Cristina Bowerman che ha firmato anche tre delle ricette del menù. È caratterizzato da un design minimalista e contemporaneo. Tutto è curato nei minimi dettagli, dalla mise en place alle divise del personale, dal menù dorato al gioco di forme delle stoviglierie e ai colori dei prodotti.

L’offerta. Assaggio, in linea con il target tipico di una location come l’aeroporto, presenta un’offerta adatta ad ogni momento della giornata: dal piccolo aperitivo al pasto completo. Protagonista assoluto di Assaggio è però il vino. Il menu della colazione spazia dalla classica colazione italiana a quella continentale. In assortimento pancakes, waffles, ampia scelta di croissant, selezione di the e smoothies. Per pranzo e cena invece, oltre alle portate fredde a base di pesce, dedicate ai prodotti del mare di alta qualità, vengono proposti il sushi e un’ampia gamma di insalate impreziosite da cereali, spezie e verdure.

Fonte: gdoweek.it