Activation Commerciale

(Autore: pambianconews)
Secondo flagship store per Rinascente. Il department store nato 150 anni fa apre oggi al pubblico a Roma, in via del Tritone, il suo secondo flagship dopo quello milanese: per realizzarlo, ci sono voluti ben 11 anni.

Rinascente-Roma

Otto piani e 14mila metri quadrati di spazi, 800 brand internazionali, 4 ristoranti, 1 design supermarket e addirittura un museo, per un investimento complessivo di 250 milioni. Se il piano interrato e i due più alti ospitano design e food, al piano terra e al primo piano si trovano accessori, gioielli, beauty e lingerie; il secondo e il terzo sono dedicati all’uomo, il quarto e il quinto alla donna. “Ci aspettiamo una resa al metro quadro simile a quella di Rinascente Duomo (20mila euro, record del settore, ndr) – ha spiegato a Il Sole 24 Ore l’AD Pierluigi Cocchini –, con otto milioni di visitatori l’anno, gli stessi del Louvre”.

Lo spazio si aggiunge all’altro negozio già attivo in centro a Roma, in piazza Fiume, e porta a 11 i punti vendita italiani di Rinascente.

Ma il rinnovamento di Rinascente, che dal 2011 è di proprietà del gruppo thailandese Central Retail, passa anche da un renaming. L’apertura capitolina è stata l’occasione per annunciare il cambio di nome (l’articolo ‘La’ è andato in soffitta) e di font per lo storico logo. Gli ultimi dati economici disponibili per Rinascente parlano di un fatturato 2016 nel nostro Paese pari a 520 milioni di euro, di cui 350 arrivano dallo store di Piazza Duomo a Milano, e di un ebitda dell’8 per cento.

Fonte: pambianconews.com 

(Autore: Alessandra Bonaccorsi)
A Milano Adidas propone il nuovo brand center, The Home of creators, lo stesso già sperimentato a New York.

adidas-milano

Il punto di vendita appena inaugurato nel capoluogo lombardo, in Corso Vittorio Emanuele II, con un evento ad hoc a cui ha preso parte David Beckham, si estende su due piani e occupa una superficie di vendita di 1.300 metri quadrati. Si tratta dello store più grande dell’insegna in Italia.

Il negozio riprende il concetto di stadium: una serie di elementi architettonici, come le gradinate e il corridoio che conduce i giocatori sul campo di gioco, sono stati riprodotti nell’area dell’ingresso. Il primo negozio realizzato secondo questa idea è quello di New York e rappresenta il nuovo format degli store adidas a livello internazionale.

Fonte: gdoweek.it

(Autore: Chiara Bertoletti)
Da oggi McDonald’s arriva ufficialmente nelle case italiane con McDelivery, il nuovo servizio di consegna lanciato dalla catena di fast food con una campagna di comunicazione firmata Leo Burnett. Per la promozione della nova opzione tre pensiline dell’Atm di Milano sono state brandizzate e trasformate in “menù digitali” con schermo touch.

8940946

I consumatori hanno così potuto ordinare il loro menù alla fermata del tram e riceverlo direttamente sul luogo durante l’attesa, con consegna entro 5 minuti dal punto di vendita più vicino. Sviluppata per la comunicazione di McDelivery, che per ora è attivo solo in alcune città italiane, anche una campagna digital e un piano editoriale su Facebook ed Instagram.

L’intero servizio funziona attraverso smartphone con l’app (o sito) di Glovo, che è anche responsabile delle consegne.

Fonte:mark-up.it

(Autore: Alessandra Bonaccorsi)
Fa il suo ingresso a Bergamo il format Pam local di Bergamo con lo store realizzato nell’antico quartiere di via Borgo Palazzo, al civico 35, che sarà aperto 7 giorni su 7 con orario prolungato fino alle 22.

Pam-local-Bergamo-Interni-2

L’assortimento spazia dai piatti pronti, pensati per chi è di fretta, alle confezioni monoporzione che consentono di risparmiare denaro e ridurre al minimo gli sprechi, dal reparto dedicato ai prodotti freschi all’assortimento focalizzato sulle nuove tendenze alimentari che comprendono ad esempio 250 prodotti biologici, 90 prodotti veg, 80 free from per gli intolleranti, 60 diet light e 50 superfood. Inoltre sono disponibili linee dedicate a chi sceglie di portare in tavola le eccellenze italiane, con una vasta selezione di prodotti locali DOP e IGP. L’insegna proporrà ogni settimana oltre 100 idee per aiutare i clienti a risparmiare grazie all’iniziativa prezzo promessa che garantisce prezzi bassi tutto l’anno sui prodotti preferiti dai consumatori. Tra i servizi: è possibile pagare le bollette ed è attivo il servizio di consegna a domicilio.

“L’inaugurazione – spiega Andrea Zoratti, direttore divisione prossimità di Pam Panorama – fa parte del piano di espansione attuato negli ultimi anni, che porterà i Pam local in Italia a quasi 70 punti di vendita. Le prossime aperture interesseranno le città di Milano, Roma, Bologna, Monza e Firenze. Si tratterà di Pam local sia a gestione diretta che in franchising”.

Fonte: gdoweek.it

 

(Autore: Laura Seguso)
Non un semplice bar, ma un locale pensato come un viaggio alla scoperta del caffè tra tradizione e sperimentazione. Si tratta del primo flagship store Lavazza, appena inaugurato in piazza San Fedele, in pieno centro a Milano. Con questo locale, il primo ideato, gestito e posseduto interamente dal brand, Lavazza intende assicurare una vera e propria full immersion nei mille volti del caffè.

Flagship-Store-4

“L’apertura a Milano, città diventata negli ultimi anni un riferimento per l’Italia nel mondo, è parte integrante di una strategia più ampia di respiro internazionale, che ha l’importante e sfidante obiettivo di contribuire a rinnovare l’immagine del brand segnando la prima tappa di un percorso che prevede la nascita di nuovi store nei principali mercati chiave per l’azienda”- ha spiegato Giuseppe Lavazza, vice presidente di Lavazza.

“La nostra è una caffetteria gastronomica – prosegue Lavazza, vice presidente del gruppo – con un’offerta di food sia dolce sia salato, che abbraccia tutti i momenti della giornata, dalla colazione all’aperitivo. Un’apertura che ha l’importante e sfidante obiettivo di contribuire a rinnovare l’immagine del brand segnando la prima tappa di un percorso che prevede la nascita di nuovi store nei principali mercati chiave per l’azienda”.

Il locale, progettato dallo studio di design Jhp, ha una superficie di 150 metri quadri e una capienza interna di circa 60 posti, di cui una trentina avrà servizio al tavolo, i restanti disponibili per il self service. Tutto è giocato sul dialogo tra tradizione e innovazione, sia nello stile, legni scuri, specchi, un gusto vagamente retrò seppure moderno, sia nella proposta, questa piuttosto virata verso l’innovazione, tra monorigini, nuove estrazioni e alta gastronomia. Al centro del locale un grande banco ellittico e uno spettacolare chandelier, composto da 640 chicchi di due dimensioni, la cui forma complessiva rappresenta un grande chicco di caffè, dividono lo spazio in quattro aree:

L’area dedicata al coffee design esprime la vocazione alla creatività e all’innovazione del brand, che ha dato vita a questa nuova disciplina dove l’avanguardia del food design viene declinata nel caffè per nuove combinazioni di gusto, dalla colazione al dessert.

L’area fresh rosted è dedicata invece alla scoperta dell’arte della tostatura e della miscelatura, innovazione tutta italiana storicamente introdotta dal fondatore Luigi Lavazza nel 1895.

L’area caffetteria, offre un percorso da Nord a Sud attraverso ricette storiche e reinterpretazioni locali dell’espresso, accompagnati dalle selezioni di cioccolatini artigianali create da Guido Gobino.

Infine lo spazio dedicato allo slow coffee, dove si assiste alla pratica di tutti i diversi sistemi di estrazione, dal syphon, alla Chemex, al cold-brew, dal pour over all’aeropress senza dimenticare la più casalinga moka.

Fonte: gdoweek.it

(Autore: Roberto Pacifico)
Amazon Prime Now amplia l’offerta di prodotti tipici regionali in pronta consegna a domicilio tutti i giorni, per chi risiede a Milano e in 46 comuni dell’hinterland del capoluogo lombardo.

maxresdefault-1-1

Sul sito Amazon Prime Now si possono acquistare prodotti freschi e a lunga scadenza provenienti da Abruzzo, Lazio, Marche e Umbria, e riceverli in un’ora o in finestre di due ore. Tra i prodotti per gli antipasti, ricordiamo il pecorino romano dop, il salame al cinghiale e al tartufo, ma anche olive all’ascolana, caciotta al pepe, e focaccia rusticana romana. Nei primi piatti, il menù comprende, fra gli altri, fettuccine di campofilone, guanciale per amatriciana, cacio e pepe, e lo zafferano de L’Aquila.La porchetta di Ariccia igp spicca, anche per consistenza nutritiva e di gusto, fra i secondi. Non mancano i dolci: per esempio, i confetti di Sulmona. Questi prodotti sono solo un’anticipazione delle specialità del Centro Italia disponibili per i clienti milanesi di Prime Now.

Le specialità di Abruzzo, Lazio, Marche e Umbria si aggiungono alla gamma di 20.000 prodotti già disponibili su Prime Now, gamma che include prodotti tipici di Puglia, Calabria e Sardegna, oltre a pasta, pane e bibite, decine di tipologie di frutta e verdura, pesce fresco e tagli di carne.

Tutti gli iscritti Prime possono accedere al servizio Prime Now, utilizzando il proprio account, tramite app (disponibile per i dispositivi iOS e Android), e dal sito primenow.amazon.it. Il servizio Prime Now è attivo dalle 8 alle 24, 7 giorni su 7. Le consegne in finestre di due ore non prevedono costi aggiuntivi; la consegna in un’ora, disponibile per i Cap raggiunti da questa modalità, costa 6,90 euro. L’abbonamento ad Amazon Prime è disponibile per 19,99 euro all’anno. I primi 30 giorni sono gratuiti per i nuovi iscritti.

Fonte: gdoweek.it

(Autore: Alessandra Bonaccorsi)
Prosegue l’espansione dell’insegna Sephora che continua le aperture sul territorio puntando su un format in grado di coniugare tradizione e innovazione.

sephora

Il nuovo negozio sarà realizzato all’interno del centro commerciale Mondojuve di Nichelino, in provincia di Torino. Il brand francese, appartenente al gruppo Lvmh, inaugurerà lo store il 7 settembre. La struttura si sviluppa su uno spazio di circa 250 mq, con l’iconico decor bianco e nero e una planimetria pensata per valorizzare la shopping experience.

Pronto alla riapertura anche il beauty store Sephora di Monza in Via Italia 48 che, dopo una breve chiusura dovuta ai lavori di restyling,  riapre i battenti il 7 settembre.

Fonte:gdoweek.it

Lo scorso 18 agosto Burger King ha aperto un nuovo pdv a Peschiera Borromeo, vicino Milano, presso la food court del centro commerciale Galleria Borromea.

slide_1440x723-2_app_4

Burger King a Peschiera Borromeo

Il nuovo fast food della catena che ha cominciato nel 1999 la propria espansione in Italia proprio da Milano si sviluppa su una superficie di 160 mq. I posti a sedere sono condivisi con la food court del centro commerciale, ubicato in Via della Liberazione 8, con ampio parcheggio. Il pdv occupa 20 addetti, tutti neo assunti, compreso un manager e il direttore, con un’età media di 24 anni. La Lombardia è la regione che conta il maggior numero di fast food Burger King, con oltre 700 persone occupate.

Il training del personale prosegue nel corso del tempo per mantenere elevati gli standard di qualità dei prodotti serviti, cucinati al momento con alimenti controllati. Le offerte Burger King disponibili anche a Peschiera Borromeo si possono consultare sulla app che porta il nome del fast food oppure sul sito www.burgerking.it. Burger King a Peschiera Borromeo è aperto da lunedì a domenica dalle 9,00 alle 21,00.

La catena Burger King

Burger King è una catena fondata nel 1954 che opera con i marchi Burger King e Home of the Whopper, circa 14 mila sedi, oltre 11 milioni di persone servite nel mondo, in oltre 100 Paesi. Quasi la totalità dei Burger King sono di proprietà, gestiti da affiliati indipendenti, molti di lunga data. La catena è proprietà di Restaurant Brands International Inc., mentre in Italia il brand è controllato dalla società Bksee (Burger King South Europe East) che si occupa anche dello sviluppo in Polonia, Romania e Grecia.

Fonte: gdoweek.it

(Autore: Barbara Trigari)
Lidl prosegue con le iniziative di valorizzazione del brand questa volta inserendosi in un’area inedita, soprattutto per un discount, quella della moda.

Esmara-by-Heidi-Klum_Heidi-and-the-girls.-Key-piece-The-blazer-in-electric-blue

Presenterà infatti alla New York fashion week una collezione esclusiva disponibile in edizione limitata, in collaborazione con la stilista Heidi Klum. Si spiega così finalmente il senso della campagna pubblicitaria lanciata ad agosto in 28 paesi con lo slogan #letswow.

Esmara by Heidi Klum 

La collezione studiata appositamente per Lidl dalla stilista tedesca si chiama Esmara by Heidi Klum, ed è ispirata alla metropoli di New York. Si tratta di una linea donna, calzature e accessori inclusi, all’insegna del fashion, del divertimento e della volontà di stupire, come dichiara lo slogan #letswow, selvaggia ed eclettica. Prevede urban look alla ricerca dell’effetto wow, top minimali, giacche in stile bomber, jeans super skinny, romanticismo e aggressività, pizzo e pelle da rock star, tessuti animali, blu elettrico e colori caldi come il cognac. Qualità a un prezzo molto conveniente, in linea con le logiche del discount: i prezzi vanno da 5 euro a 20 euro per ciascun capo.

Vestibilità e disponibilità 

“Ho voluto creare capi fashion dall’effetto wow, che fossero semplici da abbinare e regalassero a ogni donna un aspetto fantastico – e tutto questo ad un prezzo imbattibile”, ha affermato Heidi Klum. E infatti con le taglie si va dalla XS alla L, per le calzature dal 37 al 41. La collezione è acquistabile nei 600 pdv Lidl italiani a partire dal 18 settembre, mentre a livello internazionale in oltre 20 mila store in 28 Paesi nel mondo.

“Lidl fino ad ora non è mai stata associata al mondo della monda – spiega Alessia Bonifazi, responsabile Comunicazione di Lidl Italia – con una stilista di successo e fonte d’ispirazione come Heidi Klum al nostro fianco, vogliamo cambiare questa percezione. #letswow rappresenta tutto ciò che è fashion, divertimento e capacità di stupire, cosi come ama fare Lidl nel campo dell’abbigliamento”. Per gli aggiornamenti visitare il sito www.lidl.it/letswow .

Fonte: gdoweek.it

(Autore: Roberto Pacifico)
I lavori per l’ampliamento di Auchan Rescaldina saranno completati entro il 4° trimestre 2018. L’ampliamento sarà di 25.650 mq di slp e di 17.500 mq di superficie di vendita. Posti auto previsti 4.300 a regime. Investimento complessivo oltre 80 milioni di euro.

800x600_2014031038_rescaldina_002

Per diventare più moderno e attrattivo in un contesto di crescente competitività, dopo oltre 15 anni dall’apertura, il centro commerciale di Auchan Rescaldina, uno dei più importanti in Italia, con oltre 1.000 persone impiegate fra diretti e indotto, è oggetto di uno dei più impegnativi processi di riqualificazione immobiliare e commerciale.

Le tre fasi dell’ampliamento: sintesi del cronoprogramma

I lavori della prima fase, appena iniziata da qualche giorno, con il restyling del centro esistente, si svolgeranno prevalentemente in orario notturno per non ostacolare l’attività ordinaria: dureranno per un periodo di circa 6-8 mesi; l’interno del centro si trasformerà secondo concept commerciali più moderni che favoriscono una maggior vivibilità degli spazi e una più confortevole esperienza di shopping.

La seconda fase riguarda, invece, il progetto complessivo di ampliamento per cui è ancora in corso l’iter autorizzativo. Nei giorni scorsi -come conferma Auchan a Mark Up- è stata approvata dal Comune di Rescaldina la variante urbanistica al Pgt (Piano di governo del territorio) che consente, in linea con i più recenti criteri e orientamenti urbanistici, l’ampliamento del centro commerciale senza comportare nuovo consumo di suolo ma incrementando le aree destinate a verde a disposizione del territorio.

Nei prossimi mesi, verso settembre-ottobre 2017, si avvierà anche il percorso amministrativo a livello regionale. L’idea presentata dal colosso francese della grande distribuzione prevede l’ampliamento dell’attuale centro commerciale sui parcheggi ovest, creando posteggi interrati, e la rinuncia al diritto di costruire a sud e a nord di via Marco Polo.

Caratteristiche del progetto di ampliamento

L’ampliamento sarà di 25.650 mq di slp (superficie lorda di pavimento) e di 17.500 mq di superficie di vendita, con numero complessivo finale di circa 4.300 posti auto per un investimento di oltre 80 milioni di euro.

Saranno presenti oltre 170 attività tra negozi ed esercizi di somministrazione e di servizi, con offerta di ristorazione notevolmente ampliata e candidata a rappresentare uno dei fiori all’occhiello  del nuovo sviluppo.

Entrando nel dettaglio, all’attuale superficie di vendita (iper+galleria) di 23.200 mq si aggiungeranno 17.500 mq di nuova superficie di vendita della galleria.

Spazi comuni per famiglie e bambini completeranno il progetto del nuovo centro commerciale che, secondo gli obiettivi dichiarati da Auchan, vuol porsi sin da subito al centro, in termini di servizio, del territorio nel quale opera, per diventarne un mondo sempre più integrato sotto il profilo della condivisione, dell’attrattività e della promozione.

Tema dominante del progetto architettonico e commerciale è la cura e l’attenzione all’ambiente, che diventerà esperienza per tutti i visitatori del centro nell’incontro con i format, i colori e le soluzioni progettuali utilizzate, di forte impatto, che richiameranno il verde e  la natura e che saranno già accennati e in parte presenti anche nella fase di restyling.

Il sindaco Michele Cattaneo si dichiara “molto soddisfatto di quanto si è riuscito a fare per scongiurare la costruzione su entrambi i lati di via Marco Polo. E l’impegno dell’amministrazione non è sfuggito neanche a Legambiente nazionale, che ha chiamato la squadra capitanata da Cattaneo per parlare alla festa nazionale del cigno verde di politiche virtuose. “Questo ci fa molto piacere -commenta Cattaneo- perché malgrado le critiche che ci vengono mosse dall’opposizione è un riconoscimento che stiamo facendo quanto umanamente possibile per limitare il danno e agire nel migliore interesse della nostra comunità”.

Dopo l’approvazione della variante al pgt vigente per l’ampliamento di Auchan, il prossimo passo che attende il consiglio comunale prima del via ai lavori è l’approvazione del piano attuativo.

Rescaldina sarà, fra quelli del portafoglio Gci-Gallerie commerciali Italia, società immobiliare commerciale di Auchan Holding, il centro commerciale più grande della Lombardia, con Gla che fra galleria e ipermercato supererà i 50.000 mq, e 140 negozi rispetto agli attuali 79. Gli altri due grandi centri commerciali Auchan in Lombardia sono a Monza e Cinisello-Bettola (nella foto in home page) uno sviluppo in itinere all’interno di un quartiere alla periferia nord di Milano, che sostituirà il vecchio centro commerciale di Cinisello chiuso da tempo.

Fonte: mark-up.it