Activation Commerciale

(Autore: Giuseppe Tempestini)
McDelivery Collection: il nuovo esperimento ‘fashion’ della catena statunitense per il lancio del servizio di consegna a domicilio.

mcdonalds-lancia-una-linea-di-vestiti-3-563x750

McDonald’s presenta una linea di abbigliamento per celebrare il lancio del servizio di consegna a domicilio con UberEats. La McDelivery Collection comprende accessori, cuscini, felpe, ciabatte e una tovaglia da picnic su cui sono raffigurati diversi prodotti culinari della nota catena di hamburger.

La special capsule collection di McDonald’s

La promozione non sarà disponibile ovunque, i capi d’abbigliamento saranno consegnati esclusivamente oggi, durante il Global McDelivery Day, in città e Paesi selezionati, come Usa, Canada, Francia, Olanda, Hong Kong e Regno Unito. Sul sito ufficiale è possibile verificare le varie località.

Gli utenti che ordineranno a domicilio tramite l’app di UberEats, avranno la possibilità di mettere le mani su uno dei prodotti gratuiti e limited edition.

La contaminazione tra food e moda

La McDelivery Collection non è il primo esperimento moda della catena di fast food americana. Già nel 2015 McDonald’s aveva creato una linea ispirata al Big Mac con Colette.

Il connubio tra cibo e moda sta interessando soprattutto i grandi player della ristorazione che, attraverso il lancio di speciali collezioni di abbigliamento, stanno rendendo le loro strategie di marketing sempre più ‘fashion’.

“In McDonald’s, continuiamo a migliorare per i nostri clienti con nuove ricette, un aspetto più fresco e ora nuovi livelli di convenienza attraverso McDelivery con UberEATS” ha affermato il portavoce di McDonald’s Lauren Altmin.

“Per festeggiare, abbiamo creato la McDelivery Collection, una linea divertente di oggetti pensati per le persone che vivono l’esperienza di consegna, sia per chi vuole un Big Mac mentre è sul divano, sia per chi vuole condividere delle patatine con gli amici nel parco”.

Al momento l’azienda non ha intenzione di mettere in vendita i capi della collezione. Con questa mossa McDonald’s si allinea ad altri colossi, come KFC e Pizza Hut, che di recente si sono cimentati e hanno investito nella creazione di collezioni fashionispirate ai loro prodotti.

Fonte: ninjamarketing.it

(Autore:pambianconews.com)
Le sfortunate premesse di New York non hanno portato bene al lancio della collaborazione tra Louis Vuitton e Supreme, almeno per quanto riguarda il Nord America.

lv-supreme

Dopo la cancellazione del pop up store nella Grande Mela, annullato per le proteste del comitato cittadino di Bond Street, la maison francese ha annullato l’arrivo nei negozi prescelti di Stati Uniti e Canada previsto inizialmente per domani. Come riportato dal sito Hypebeast, Louis Vuitton tramite il suo servizio clienti ha confermato attraverso una mail che la collezione Louis Vuitton x Supreme non sarà più venduta né in store né online.

Una decisione che, però, non sarebbe definitiva. Secondo quanto affermato da Gq, che ha contattato le boutique di Dallas e San Francisco, il lancio non è stato annullato, ma semplicemente posticipato a data da destinarsi. Quel che è certo è che per il momento non sembrano esserci cambiamenti per quanto riguarda il debutto in Asia: i negozi di Singapore e di Pechino sono già stai presi d’assalto in vista dell’apertura di domattina.

Per i fan della capsule collection nordamericani rimasti a bocca asciutta resta solo un’opzione: tentare di acquistarla su eBay, dove i capi sono rivenduti attualmente a più del doppio del prezzo di lancio.

Fonte:pambianconews.com 

(Autore: eventreport.it)
Dolce & Gabbana presentano l’alta moda in Sicilia: per 4 giorni Palermo e dintorni sotto i riflettori internazionali.

22474_208_medium

È stata la Sicilia a ospitare quest’anno la presentazione delle collezioni di alta moda degli stilisti Dolce & Gabbana: una kermesse lunga 4 giorni che è stata non solo un evento di marketing, ma anche una straordinaria occasione di promozione (e di ricaduta economica) per il territorio.

All’evento, che si è svolto dal 6 al 10 luglio con il titolo “Alte Artigianalità” sono intervenuti 400 tra buyer e ospiti vip provenienti da tutto il mondo e 50 giornalisti dei maggiori media internazionali (Time, The Wall Street Journal, The Financial Times), che hanno partecipato a sfilate di moda, cene di gala ed esposizioni in alberghi, palazzi storici, monumenti e location inusuali di Palermo, Monreale e Trabia.

La kermesse, che secondo quanto afferma Il Gazzettino di Sicilia porta la firma di FeelRouge Worldwide Shows, è costata alla casa di moda 26 milioni di euro e ha portato al territorio 10 milioni, è iniziata e si è svolta per le prime due giornate a Palermo. A Palazzo Gangi, la settecentesca residenza che Luchino Visconti ha reso immortale ambientandovi la scena del ballo del film Il Gattopardo, si è svolta la sfilata dell’alta gioielleria donna, con la rievocazione del celebre ballo. Dopo la presentazione, l’evento si è spostato nel chiostro della Galleria d’Arte Moderna per la cena di gala animata da ballerine che si esibivano sospese ai fili come marionette viventi.

Il secondo giorno a Palazzo Mazzarino, dimora storica per eventi del centro città, è andata in scena l’alta gioielleria uomo e in piazza Pretoria l’alta moda donna, con le indossatrici che sfilavano su tappeti rossi posizionati tra le statue di marmo e la fontana della piazza. A chiudere la giornata è stata la cena di gala con spettacolo pirotecnico e concerto di Mario Biondi all’hotel 5 stelle Villa Igiea.

Lasciata Palermo “Alte Artigianalità” ha fatto tappa il terzo giorno a Monreale. Nella piazza antistante il Duomo una passerella circolare di colore oro è stata calcata dagli indossatori della collezione alta sartoria uomo e il Chiostro dei Benedettini sul lato del Duomo è stato allestito per la cena di gala di ispirazione arabo-normanna.

L’ultima giornata dell’evento si è svolta a Trabia con la cena nel Castello Lanza. Per tutta la durata delle presentazioni Villa Igiea è stata sede di esposizioni permanenti delle collezioni, mentre la Tonnara Florio ha ospitato il temporary store delle proposte prét a porter.

Fonte: eventreport.it

(Autore: Chiara Bertoletti)
Dal 21 agosto per due settimane gli spazi del celebre store parigino Colette ospiteranno una capsule collection realizzata in esclusiva da H&M Studio. Per l’azienda svedese del fast fashion, che di norma distribuisce solo attraverso i propri canali, si tratta di un ingresso inedito nel retail di alta gamma.

HM-colette

La collezione H&M Studio x Colette, dominata dal colore blu, includerà 9 capi per la stagione autunno-inverno 2017/18. Si tratta di una prima assoluta per il marchio della moda low-cost, che da tradizione ha sempre scelto incursioni nel lusso affidando ad altre griffe la produzione di capi in limited edition.

Per Colette, invece, dopo esperimenti come quello con Ikea, si tratta di una partnership non così inusuale. La contaminazione a breve termine tra mass market e luxury è del resto sempre più in voga e ha molto a che vedere con questioni di marketing e immagine.

Fonte: mark-up.it

(Autore: Alessandra Bonaccorsi)
La stagione estiva per O bag, il brand italiano famoso per le borse componibili in gomma eva, entra nel vivo con l’apertura di 20 Summer Shop, in Italia e all’estero, tra cui San Vito Lo Capo, Jesolo, Saint-Tropez, e in alcuni centri commerciali più strategici per il grande flusso come Il Centro di Arese, Le Gru di Grugliasco, Porta di Roma, Conca d’Oro di Palermo.

O-bag-summer-shopI negozi dalla superficie media di 40 mq si caratterizzano per un’atmosfera completamente nuova grazie alle pareti tematizzate: sabbia, palme e mare cristallino per immergere il cliente in un mood 100% holiday. L’offerta propone le borse iconiche O bag vestite con bordi in juta e manici gommati active, le flatform O shoes in materiale xl extralight® con tante applicazioni per personalizzarle, disponibili anche in versione uomo, e le nuove infradito in corda e gomma O drillas. Ci sono anche gli accessori per l’estate, dagli occhiali O sun ai nuovi orologi in silicone O clock nella versione gelée. E ancora O fly, il frisbee, anch’esso realizzato in materiale xl extralight®, la borsa O bag playa, la shopper in gomma soft touch effetto paglia.

La collezione Summer è supportata da una campagna digital sulle testate del gruppo Hearst e sul profili social del brand.

Fonte: gdoweek.it

(Autore: Patrizia Franzese)
Da quando ha iniziato ha fotografare i suoi outfit e postarli sui social network, la Ferragni è diventata oggi una vera e propria icona di stile.

chiara-ferragni-dal-6-settembre-e-disponibile-il-suo-e-commerce

Il suo volto è comparso su tutte le riviste di moda più importanti e le sue collaborazioni vantano marchi come Louis Vuitton, Tod’s, Yamamay, Superga e Chanel. Cura il suo blog, “The Blonde Salad“, ed è stata diverse volte scelta dalle aziende come testimonial per le nuove collezioni.

Recentemente la Mattel le ha addirittura dedicato una Barbie e ora la Ferragni ha una nuova news e la annuncia proprio sul suo social preferito: Instagram. Dal 6 settembre l’influencer lancia infatti il suo e-commerce. Questa iniziativa ha l’obiettivo di facilitare la reperibilità dei capi che la blogger indossa, bypassando le lunghe ricerche su altri siti spesso invane.

Prima di questo portale la fashion victim lombarda fatturava intorno ai 2 milioni e 200 mila euro. Ora si attendono le prossime stime, che prevedono aggirarsi intorno ai 4 milioni di euro. Un raddoppio niente male per una giovane che ha iniziato semplicemente fotografando le proprie mise e postandole sui canali social.

Fonte: it.fashionnetwork.com