(Autore: Roberto Pacifico)
Decathlon ha messo a segno un fatturato di 10 miliardi nel 2016, +12% rispetto all’anno precedente, realizzato per quasi il 70% in Francia.

Screen Shot 2017-02-16 at 12.26.56 PM

A livello internazionale, grande crescita di Cina, Russia e Spagna, i tre paesi dove l’insegna francese ha aperto più negozi nel 2016.

Decathlon, l’insegna francese specializzata nell’abbigliamento tecnico-sportivo, che fa capo alla famiglia Mulliez (Auchan), festeggia i 30 anni mettendo a segno un fatturato 2016 di 10 miliardi di euro, un bel regalo per un anniversario: le vendite sono aumentate del 12% (+4,4% a perimetro invariato di rete).

In madrepatria (la Francia), il fatturato di Decathlon corrisponde a circa un terzo del totale: 3,3 miliardi di euro (+2,3% rispetto al 2015). L’eCommerce incide per il 4,5% delle vendite totali in Francia.

Nel 2016 sono entrati nei negozi Decathlon francesi 1,7 milioni di clienti, +9,4% rispetto al 2015.

Decathlon ha 1.176 punti di vendita in 28 paesi del mondo: i negozi in Francia sono 301, e e 164 le filiali all’estero. Il mercato interno (Francia) rappresenta il 67% del fatturato globale: i primi tre mercati di Decathlon sono Francia, Cina e Taiwan, e Spagna.

Fonte: Mark-up.it

(Autore: Pambianco News)
Anche Mango entra nell’arena della sostenibilità. Dopo Zara e H&M, anche il marchio catalano di prêt-à-porter si prepara a lanciare la prima linea eco-friendly.

mango-committed

Mango Committed, questo il nome, debutterà a marzo con una capsule composta da 25 capi da donna e 20 da uomo realizzati in cotone organico e riciclato, poliestere riciclato e Tencel, con produzioni a basso impatto ambientale. La produzione viene effettuata in Portogallo, in Marocco e in Turchia.

Il lancio della collezione sostenibile rientra in un più ampio progetto, varato lo scorso anno e chiamato Take Action, che ha l’obiettivo di creare un modello di business in linea con i principi della sostenibilità ambientale attraverso una serie di azioni che vanno dalla produzione in linea con il rispetto dei diritti degli animali alla partecipazione al programma Detox di Greenpeace fino alla raccolta di capi usati e alla creazione di impianti logistici che puntano a ridurre l’impatto ambientale.

Fonte: pambianconews.com

(Autore: Giuseppe Tempestini)
Il colosso svedese lavorerà con Design Indaba per produrre la sua prima collezione interamente realizzata da designer africani.

design-indaba-ikea-brazil-collection-1000x750

Ikea annuncia una partnership con Design Indaba per lanciare una nuova collezione d’arredamento dallo stile tutto africano. L’ultima impresa del gigante nord europeo è una collaborazione con la principale piattaforma di design sudafricana.

I progettisti in-house di Ikea lavoreranno a stretto contatto con architetti, designer, artisti e creativi provenienti da Sud Africa, Kenya, Senegal, Egitto, Angola, Costa d’Avorio e Ruanda.

Una collezione pan-continentale per Ikea e Design Indaba

Il fornitore d’arredamento, amato da tutti per la sua convenienza e per quel tocco scandinavo inconfondibile, mira a un terreno abbastanza fertile e finora ancora inesplorato.

Nel mese di marzo ogni progettista lavorerà al fianco del team interno di Ikea durante la conferenza organizzata da Design Indaba a Città del Capo, con l’obiettivo di lanciare una collezione nel 2019. Si tratta di una collaborazione pan-continentale che prevede la produzione di una serie di oggetti domestici.

La collezione di mobili e accessori per la casa si concentrerà sui “rituali moderni e sull’importanza che essi giocano nelle abitazioni”, ha dichiarato Ravi Naidoo, fondatore di Design Indaba. “Sembrano guardare alla democratizzazione della progettazione e sono felice che si lascino contagiare da idee esterne”, ha continuato.

Questa con Design Indaba è solo una delle ultime collaborazioni annunciate dal gigante dell’arredamento svedese che negli ultimi due anni ha dato vita a diverse partnership creando collezioni ispirate al Brasile e all’India.

Un’esplosione creativa proveniente dall’Africa

Nel giro di poco tempo Ikea, grazie ai lavori dell’intrepido gruppo pan-continentale, sarà contaminata dallo stile urban dell’Africa. Bethan Rayner e Naeem Biviji specializzati in mobili made-to-order e manifattura artigianale, sono tra i primi designer che contribuiranno, insieme a loro ci saranno i progettisti Bibi Seck e Hanna Dalrot, gli architetti Christian Benimana e Issa Diabaté e il duo Hend Riad e Mariam Hazem.

“L’esplosione creativa che si sta sviluppando in questo momento in diverse città dell’Africa è qualcosa che ha incuriosito Ikea. Vogliamo trarre spunto da questo movimento e diffonderlo al resto del mondo. Lavorando insieme a questi designer e creativi vogliamo darci l’opportunità di farlo” spiega Marcus Engman, Design Manager di Ikea.

Fonte: ninjamarketing.it

(Autore: Food)
Nova Coop inaugura un nuovo servizio completamente gratuito che parte dall’Ipercoop torinese di Beinasco.

Coopdrive-disegno

Nova Coop inaugura Coop Drive, il nuovo servizio che consente in qualunque momento di ordinare la spesa online e andare a ritirarla in automobile ad un apposito punto di ritiro, senza fatica e scegliendo l’orario più comodo. Il servizio è completamente gratuito e parte dall’Ipercoop di Beinasco (Torino).

COME SI USA – Per usufruirne basta collegarsi al sito “La Spesa che Non Pesa” da pc, cellulare o tablet. Dopo aver registrato le proprie credenziali, è possibile munirsi del carrello virtuale in cui caricare la spesa, con tutta la garanzia della qualità e convenienza dei punti vendita Nova Coop. Il menu consente di cercare i prodotti selezionando le diverse categorie merceologiche o inserendo una parola chiave nel motore di ricerca. È possibile ordinare i prodotti anche in base al prezzo o alle promozioni attive al momento. In qualunque fase, prima di aver completato l’ordine, il sistema permette di modificare il proprio carrello. Una volta ultimata la spesa, basterà scegliere l’orario in cui andare a ritirarla (il servizio è garantito già dopo due ore ed è attivo dalle 8.30 alle 20.30, sette giorni su sette) oltre alla modalità di pagamento, che potrà essere effettuato subito online o al momento del ritiro.

I PRODOTTI – Il portale offre più di 10mila tipologie di prodotti delle principali marche(comprese naturalmente tutte le linee Coop), che abbracciano la quasi totalità della gamma offerta nell’ipermercato. Dai prodotti alimentari confezionati, inclusi i Freschi e Freschissimi(ortofrutta, carni rosse e bianche, panetteria e pasticceria, ma anche latticini e surgelati), a tutto il necessario per la cura della persona e la pulizia della casa. In futuro il servizio si arricchirà anche della gastronomia preincartata e dei prodotti ittici freschi.

PROSSIME APERTURE – Entro l’anno attiveremo un secondo Drive in una zona semi centrale di Torino – sottolinea Ernesto Dalle Rive, presidente di Nova Coop – che non sarà agganciato a un ipermercato esistente ma completamente autonomo, e lanceremo la consegna a domicilio. Parallelamente confermiamo tutti gli investimenti già annunciati su Torino e Vercelli e abbiamo in progetto almeno sei nuove aperture nei prossimi anni tra Torino, Ivrea, Giaveno e Asti. Il futuro però è nella capacità di integrare il negozio reale con un’offerta online presidiata di persona. La scelta dell’Ipercoop di Beinasco come sede del primo Coop Drive arriva da lontano. Uno dei centri commerciali più performanti della rete, un ipermercato posto in un centro commerciale con oltre 4 milioni di visitatori annui e un presidio di oltre 65mila soci. Un punto vendita da sempre strategico per la sua posizione, che raccoglie i quartieri più popolosi di Torino Sud e molti insediamenti industriali e di servizi, alla confluenza di strade ad alto traffico come la Tangenziale Sud.

Fonte: foodweb.it

(Autore: Alessandra Bonaccorsi)
L’insegna fondata da Stefano e Antonio Percassi collabora, in occasione del ventennale, con Vogue Italia che ha selezionato sette brand internazionali legati a stilisti emergenti.

Kiko concept store progettato da Kengo Kuma

Il primo punto di vendita Kiko fu aperto il primo settembre 1997. Per festeggiare i vent’anni, il marchio fondato da Stefano e Antonio Percassi ha scelto di collaborare con Vogue Italia, che ha selezionato per l’occasione sette brand internazionali legati a stilisti emergenti. I designer, scelti all’interno del progetto Vogue Talents, celebreranno l’essenza stessa di Kiko e i suoi valori più importanti: il colore, la creatività, il talento e lo stile made in Italy del brand. Gli stilisti selezionati disegneranno sette capsule collection in edizione limitata con la prima collezione disponibile da marzo e l’ultima da novembre 2017.

L’insegna conta la presenza in venti Paesi con più di mille store, un terzo dei quali dislocati in Italia, e con una presenza capillare in Europa oltre a Turchia, Medio Oriente, Stati Uniti, Hong Kong, India e Brasile. La presenza è ancora più ampia nel mondo virtuale: online Kiko è presente in 36 paesi con www.kikocosmetics.com.

Fonte: mark-up.it

(Autore: Raffaella Pozzetti)
Parte il progetto “Insieme rendiamo il mondo più bello”, promosso da Garnier in collaborazione con Carrefour, in favore della formazione dei bambini delle scuole primarie per quanto riguarda la raccolta differenziata e il riciclo degli imballaggi.

JPG-artwork-progetto

 

L’iniziativa, che intende coinvolgere 500 strutture scolastiche nel corso del triennio 2017-2019, verrà supportata anche da un’operazione in store: per tutto il mese di marzo, infatti, per ogni prodotto Garnier acquistato nella rete di punti di vendita Carrefour, verranno devoluti 50 centesimi a sostegno dell’iniziativa.

Del resto, la salvaguardia dell’ambiente è un tema sempre più rilevante agli occhi del consumatore. Secondo la ricerca sulla sostenibilità ambientale Eumetra Monterosa, presentata durante l’evento, la questione è di importanza cruciale per più di due terzi dei consumatori. Clienti, inoltre, che si aspettano azioni concrete anche da parte delle aziende: chiedono ai brand, prima di tutto, maggiori investimenti nei propri stabilimenti di produzione, in modo da renderli meno inquinanti (45% del campione interpellato). In secondo luogo, vorrebbero veder a scaffale più confezioni ecologiche (41%) e prodotti realizzati con ingredienti naturali (35%).

Istanze che Carrefour si sta impegnando a soddisfare. “Per garantire al consumatore prodotti, confezioni e brand green, da tempo ci siamo dati l’obiettivo di stringere partnership con produttori che sposino la causa dello sviluppo sostenibile -puntualizza Grégoire Kaufman, direttore merci e marketing di Carrefour Italia-. Anzi, abbiamo fatto la scelta di non collaborare più con quelle aziende che non dimostrano una volontà di crescita ecoattenta. Non si tratta solo di una valutazione etica, ma di una scelta di crescita aziendale sul lungo termine”.

Fonte: gdoweek.it

(Autore: Chiara Bertoletti)
L’insegna di supermercati (Gruppo Sogegros) lancia una nuova operazione che guarda all’engagement dei clienti Prima Card offrendo la possibilità di convertire i punti in buoni spesa universali.

BASKO

Sogno o Bisogno? Questa l’iniziativa di marketing lanciata da Basko, insegna di Gruppo Sogegross presente in Italia (prevalentemente Liguria) con 60 supermercati e superstore. L’operazione è dedicata ai possessori di Prima Card, la carta fedeltà del retailer, con i quali si punta a rinsaldare il legame attraverso un’inedita possibilità che comunica la messa al centro del consumatore.

A partire dal 7 febbraio, infatti, i punti raccolti facendo spesa potranno essere utilizzati, oltre che per richiedere i più classici premi per la casa (Tognana, Guardini e Laura Biagiotti) per ottenere buoni spesa universali spendibili ovunque. Sarà sufficiente convertirli per acquistare, ad esempio, “un capo di abbigliamento nel proprio negozio preferito, un soggiorno in una meta ambita o addirittura per coprire una rata del mutuo presso il proprio istituto bancario”, sottolinea Giovanni D’Alessandro, Direttore Vendite, Marketing e Comunicazione di Basko.

Un’operazione definita da Basko come primo catalogo “aperto” e che lancia un messaggio di prossimità.

Fonte: mark-up.it

(Autore: Alessandra Bonaccorsi)
A Fiumicino Autogrill potenzia la propria presenza con quattro nuovi concept di ristorazione. L’ultimo in ordine di tempo è Assaggio,  un format pensato per accompagnare i viaggiatori in un tour enogastronomico alla scoperta dei migliori vini regionali italiani selezionati per Autogrill da Zonini 1821.

Assaggio-FCO-1-1024x638

I quattro locali riconducibili a Autogrill sono stati realizzati nella nuova area di imbarco E del T3, inaugurata da Aeroporti di Roma lo scorso dicembre per i voli Extra Schengen. Si tratta di un secondo Bistrot, un secondo Rosso Intenso e del primo Kimbo Caffè Espresso da Napoli.

Ezio Balarini, a capo dell’ufficio marketing di Autogrill, spiega: “La nostra filosofia consiste nel proporre concept originali con un’offerta di qualità tanto nelle aree di sosta stradali quanto negli aeroporti e nelle stazioni di tutto il mondo. Per farlo al meglio, ci avvaliamo anche di preziose collaborazioni con chef stellati; nel caso del nuovo brand Assaggio, con partner come ZONIN1821 Cristina Bowerman, diamo vita a un binomio che ci permette di accompagnare i viaggiatori in un tour enogastronomico all’insegna della cucina fine dining”.

Assaggio. Lo store è un vero e proprio wine and fish bar con servizio al tavolo dove poter gustare l’offerta food supervisionata della chef stellata Cristina Bowerman che ha firmato anche tre delle ricette del menù. È caratterizzato da un design minimalista e contemporaneo. Tutto è curato nei minimi dettagli, dalla mise en place alle divise del personale, dal menù dorato al gioco di forme delle stoviglierie e ai colori dei prodotti.

L’offerta. Assaggio, in linea con il target tipico di una location come l’aeroporto, presenta un’offerta adatta ad ogni momento della giornata: dal piccolo aperitivo al pasto completo. Protagonista assoluto di Assaggio è però il vino. Il menu della colazione spazia dalla classica colazione italiana a quella continentale. In assortimento pancakes, waffles, ampia scelta di croissant, selezione di the e smoothies. Per pranzo e cena invece, oltre alle portate fredde a base di pesce, dedicate ai prodotti del mare di alta qualità, vengono proposti il sushi e un’ampia gamma di insalate impreziosite da cereali, spezie e verdure.

Fonte: gdoweek.it

(Autore: Alessandra Bonaccorsi)
Il 70% dei progetti realizzati è stato incentrato sul tema “casa” e nello specifico sul problema della povertà abitativa. L’iniziativa ha permesso di avviare infatti varie ristrutturazioni in più zone.

squadra-leroy-merlin1

Il programma di volontariato Il Bricolage del cuore avviato da Leroy Merlin ha portato a termine 45 progetti nel 2016 coinvolgendo altrettanti associazioni ed enti locali. Il 70% dei progetti realizzati è stato incentrato sul tema “casa” e nello specifico sul problema della povertà abitativa. Sono infatti state avviate ristrutturazioni di case famiglia e unità abitative per famiglie in difficoltà economiche a Curno (BG), Bastia Umbra (PG) e Palermo.

“Sono molto orgoglioso di presentare per il terzo anno consecutivo gli ottimi risultati generati dal Bricolage del cuore, un’iniziativa a cui tutti noi teniamo in modo particolare perché ci permette di mettere al centro il nostro valore più importante: le persone siano esse clienti, collaboratori o abitanti delle diverse comunità in cui operiamo – dichiara Luca Pereno, coordinatore sviluppo sostenibile di Leroy Merlin Italia – La povertà abitativa nel nostro paese è un tema spesso trascurato ma che per noi di Leroy Merlin è di fondamentale importanza. Poterci adoperare per riqualificare l’habitat delle persone in difficoltà è per noi motivo di orgoglio, perché una casa migliore, rende migliore la vita”.

Fonte: mark-up.it

(Autore: In Store Mag)
Arcaplanet si fa in 17, inaugurando contemporaneamente 17 nuovi punti vendita: un’operazione che ha dato lavoro a 85 nuove risorse ed è supportata da una campagna territoriale del valore di 600.000 euro.

Arcaplanet avvia “un’inaugurazione massiva”aprendo contemporaneamente 17 pdv

Con i nuovi store salgono a quota 183 i punti vendita in Italia su 15 regioni servite e a oltre 1000 dipendenti. 4 in Toscana, 3 in Lombardia, 3 in Veneto, 2 in Lazio come in Piemonte, 1 in Emilia, 1 in Friuli e 1 in Puglia.

Si tratta di negozi di grande superfici (in media 800 mq per un totale di 34 casse totali). Tutti gli store sono riforniti con assortimenti completi per il food e il non food per gli animali da compagnia grazie a oltre 10.000 referenze in vendita tra accessori e alimenti per cani, gatti, piccoli animali, roditori, pesci, anfibi e uccelli, un’ampia selezione trasversale di prodotti esclusivi e specializzati, dietetici e veterinari, di alimentazione biologica e vegetariana, cibo secco e umido, accessori dai tappetini igienici per cani alle lettiere per gatto, dai giochi ai guinzagli, ai “trasportini” ecc.
Oltre a tutti i prodotti innovativi, all’avanguardia e inaspettati presenti sugli scaffali, saranno disponibili inoltre in alcuni di questi dei servizi aggiuntivi come l’incisione personalizzata delle medagliette da guinzaglio, la toelettatura, ecc..

L’operazione straordinaria di inaugurazioni si inserisce nell’importante programma di sviluppo della giovane e dinamica azienda che, nei suoi primi 20 anni di vita, ha visto una forte crescita dimensionale sia di punti vendita che di fatturato e addetti, attraverso lo sviluppo e la continua innovazione di un layout del tutto simile a un supermercato dedicato solamente ai pet e agli ambienti da essi frequentati, con spazi moderni, personale competente e preparato e un grandissimo assortimento specializzato per tutti i tipi di animali domestici.

Dalla mattina di sabato 28 gennaio è prevista una giornata dedicata ai padroni e ai rispettivi animali domestici che durerà fino a sera. Ci saranno omaggi per tutti, il nuovo magazine Arca News in regalo, promozioni dedicate e tutte le novità pensate per l’alimentazione e il benessere degli animali da compagnia, in casa, all’aperto e in viaggio.

Per tutti sarà possibile iscriversi all’interno del circuito “ArcaCard”, la carta fedeltà che permette una serie di vantaggi di scontistica a punti e servizi dedicati. Per coloro che si presenteranno con il proprio animale, sarà possibile inoltre scattare una foto e riceverne subito la stampa attraverso il nuovo totem interattivo.

Fonte: instoremag.it