(Autore: Alessandra Bonaccorsi)
Punta sull’Asia l’insegna 10 Corso Como che, dopo le aperture a Seul, Shanghai, Pechino, apre uno store a Tokyo.

10-corso-como-ingresso

Come sottolineato dal giornale online Art tribune, il marchio meneghino ha scelto la formula del Logo Shop Pop Up per entrare nel mercato giapponese. Si tratta di negozi temporanei che puntano sulla costruzione di un evento. Per aprire i suoi due Logo Shop Pop Ups, 10 Corso Como ha scelto Seibu Department stores, il megastore più famoso di Tokyo nel quartiere alla moda di Ikebukuro. Fino alla metà di ottobre sarà possibile acquistare oggetti di design, capi alla moda, elementi di arredo, nei due corner retail collegati all’interno dei grandi magazzini.

Fonte:gdoweek.it

(Autore: Roberto Pacifico)
Amazon Prime Now amplia l’offerta di prodotti tipici regionali in pronta consegna a domicilio tutti i giorni, per chi risiede a Milano e in 46 comuni dell’hinterland del capoluogo lombardo.

maxresdefault-1-1

Sul sito Amazon Prime Now si possono acquistare prodotti freschi e a lunga scadenza provenienti da Abruzzo, Lazio, Marche e Umbria, e riceverli in un’ora o in finestre di due ore. Tra i prodotti per gli antipasti, ricordiamo il pecorino romano dop, il salame al cinghiale e al tartufo, ma anche olive all’ascolana, caciotta al pepe, e focaccia rusticana romana. Nei primi piatti, il menù comprende, fra gli altri, fettuccine di campofilone, guanciale per amatriciana, cacio e pepe, e lo zafferano de L’Aquila.La porchetta di Ariccia igp spicca, anche per consistenza nutritiva e di gusto, fra i secondi. Non mancano i dolci: per esempio, i confetti di Sulmona. Questi prodotti sono solo un’anticipazione delle specialità del Centro Italia disponibili per i clienti milanesi di Prime Now.

Le specialità di Abruzzo, Lazio, Marche e Umbria si aggiungono alla gamma di 20.000 prodotti già disponibili su Prime Now, gamma che include prodotti tipici di Puglia, Calabria e Sardegna, oltre a pasta, pane e bibite, decine di tipologie di frutta e verdura, pesce fresco e tagli di carne.

Tutti gli iscritti Prime possono accedere al servizio Prime Now, utilizzando il proprio account, tramite app (disponibile per i dispositivi iOS e Android), e dal sito primenow.amazon.it. Il servizio Prime Now è attivo dalle 8 alle 24, 7 giorni su 7. Le consegne in finestre di due ore non prevedono costi aggiuntivi; la consegna in un’ora, disponibile per i Cap raggiunti da questa modalità, costa 6,90 euro. L’abbonamento ad Amazon Prime è disponibile per 19,99 euro all’anno. I primi 30 giorni sono gratuiti per i nuovi iscritti.

Fonte: gdoweek.it

(Autore:pambianconews.com)
H&M formerà in house i manager del futuro. Il gigante del fast fashion svedese ha scelto Spagna e Portogallo come primi Paesi in cui testare il suo nuovo “H&M Retail Leadership Development Program”, un training di 18 mesi retribuito che ha come obiettivo quello di facilitare l’ingresso di giovani talenti in azienda.

HM_STORE

Il programma, le cui candidature sono aperte fino al 13 novembre sul career centre online spagnolo del gruppo, prevede per i prescelti la possibilità di lavorare, a partire dall’estate del 2018, all’interno dei diversi dipartimenti, iniziando come sales advisor fino a essere integrati come area manager, in modo da “ottenere – recita il bando – una buona conoscenza dei ruoli chiave nell’ambito retail”.

Come riporta il sito RRHHdigital.com, Carla Costa, responsabile delle risorse umane di H&M per la Spagna e il Portogallo, ha dichiarato: “Considerando la nostra continua espansione, vogliamo le persone migliori nella nostra società. Abbiamo deciso di lanciare questo programma per dare un’opportunità ai giovani e trovare quelli che hanno il potenziale per far prosperare il nostro business in futuro”.

Fonte:pambianconews.com

(Autore: Massimo Sommella)
In un mondo privo di difetti e dove tutto – a partire dal tuo ultimo post su Instagram – sembra perfetto, Diesel e Publicis decidono di celebrare l’imperfezione con la splendida campagna “Go With The Flaw”.

diesel-go-with-the-flaw-feature-image

Vacanze perfette, immagini perfette e vita perfetta rappresentano il Flow principale dei social media che si autoalimenta in un crescendo di post pubblicati e ricondivisi. Parte da qui l’interessante insight creativo da cui è stata sviluppata la campagna: è arrivato il momento di distinguersi da tutti e contrapporre il Flaw (l’imperfezione) al Flow.

Ed è lo stesso Renzo Rosso a commentare:

“Sono sempre stato più interessato all’imperfezione perché questa si distingue dalla folla” […] “Avevo quindici anni quando ho fatto a mano il mio primo paio di jeans. Naturalmente non erano perfetti, ma ciò li ha resi speciali e unici, come tutto quello che abbiamo fatto finora nella nostra storia.”

E la campagna è in effetti un invito a trovare il coraggio di sfoggiare con orgoglio i propri difetti, i propri errori, la sconsideratezza, la megalomania, lo shopping compulsivo, la pigrizia.

Il film, diretto da François Rousselet, il regista francese che ha realizzato alcuni video per Snoop Dogg, Madonna e The Rolling Stones è caratterizzato dalla colonna sonora “Non, je ne regrette rien” dell’intramontabile Edith Piaf (anche lei un simbolo dell’imperfezione).

Il ritorno della coppia Bertelli-Gargiulo

Leggendo i crediti della campagna, i più attenti noteranno senz’altro due nomi ricorrenti nell’ambito dell’advertising che ci hanno regalato negli anni tante soddisfazioni vincendo numerosi riconoscimenti del settore a livello mondiale (primi fra tutti i Cannes Lions)

Stiamo parlando di Bruno Bertelli, oggi Global Chief Creative Director Publicis WW and CEO Publicis Italia, e Dario Gargiulo, attualmente Chief Marketing Officer di Diesel, precedentemente Global Marketing Communication Manager di Heineken.

Ed è proprio con il marchio di birra olandese che in questi anni ci hanno fatto sognare con campagne innovative come “The Candidate” e “The Real Master of Intuition”.

Bruno Bertelli ha commentato così questa prima campagna con Diesel:

“Diesel ha fatto del denim “difettoso” un oggetto di culto, ha sempre affrontato gli errori e le sfide e lo ha fatto concentrandosi su ciò che si ha e gli altri non hanno. E questo è ciò che continuiamo a fare con “Go With the Flaw” ricordando che i nostri difetti sono una risorsa che ci permette di distinguerci in un mondo che è sempre più conformista.  Accettare i nostri difetti fisici o caratteriali, o gli inconvenienti quotidiani o le situazioni scomode in cui ci troviamo, è ciò che ci permette di trovare il vero divertimento e il “successful living”

Nicola Formichetti, Creative Director di Diesel,  il cui approccio al casting ha permesso di identificare persone incredibili con interessanti caratteristiche, ha spiegato:

“Essere unici è molto più bello che essere perfetti” […] “Bisogna cambiare il modo di guardare alle cose: superando ostacoli e paure anche il negativo diventa positivo. Si può così avere la migliore vita possibile “.

Fonte:ninjamarketing.it

(Autore: Chiara Bertoletti)
Find è il nuovo brand di Amazon Moda protagonista di una prima campagna pubblicitaria europea. Al centro l’abbigliamento femminile e i Paesi di Gran Bretagna, Germania, Italia, Francia e Spagna. Così il colosso continua a investire sulla propria leadership nel fashion.

Amazon_find.alta1_

La campagna presenta otto look distintivi per la stagione autunno/inverno ed è pianificata attraverso billboard, digital advertising e sul sito Amazon.it/find. find., dove si mostrano capi dall’approccio trendy e innovativo. In offerta anche una selezione di capi versatili e che puntano a celebrare l’individualità come giacche da biker, impermeabili in vinile, capi coordinati metallici e in velluto, vestiti a stampa floreale e stivaletti “kitten heels”.

Glen George, direttore del marchio, ha affermato: “La nostra nuova campagna trasmette l’ethos giocoso e semplice del brand, permettendo ai nostri clienti di esplorare ed esprimere il senso di sé attraverso le loro scelte di moda”.

Servizi. La collezione autunno/inverno è disponibile su Amazon.it/find dal 4 settembre, i clienti che acquistano i prodotti della linea godono di restituzioni gratuite e di una vasta gamma di opzioni di consegna, incluse consegne in un giorno illimitate per i membri di Amazon Prime.

Fonte: mark-up.it

(Autore: Laura Seguso)
Proseguendo la sua espansione mondiale, il marchio di piumini e parka di alta gamma Canada Goose aprirà il prossimo autunno due flagship store a Londra, in Gran Bretagna, e a Chicago, negli USA.

canada-goose-london-exterior-rendering

Il flagship store londinese, il primo europeo e ad oggi il negozio più grande del marchio, si troverà in Regent Street. A Chicago invece, il brand aprirà le sue porte nel Magnificent Mile in Michigan Avenue. Entrambi i negozi avranno arredi ispirati a elementi del design canadese, compreso il marmo estratto nella Columbia Britannica.

“L’apertura del nostro primo negozio europeo non solo rappresenta una pietra miliare per Canada Goose, ma trasforma anche un sogno in realtà. Londra e Chicago sono mondialmente riconosciute come destinazioni dello shopping ed è un orgoglio portare nelle loro storiche strade la nostra eredità canadese, la nostra esperienza e i nostri prodotti unici” – ha dichiarato Dani Reiss, presidente & Ceo, Canada Goose.

Nel 2016, Canada Goose ha aperto i suoi primi due flagship store a Toronto e New York, negozi che intrecciano l’autentica eredità del marchio e il suo impegno artigianale con un design moderno ispirato all’ambiente artico.
Forte dei suoi sessant’anni di esperienza come produttore, Canada Goose è diventato retailer nel 2014 con il lancio del suo primo sito di e-commerce in Canada, presto seguito dagli Stati Uniti nel 2015 e da Regno Unito e Francia nel 2016.

Le vendite del brand nel 1° trimestre chiuso a fine giugno, sono passate da 12,5 a 28,2 milioni di dollari canadesi (18,8 milioni di euro). Il suo margine lordo è nettamente aumentato, dal 29,7% al 46,9%.

 Fonte: gdoweek.it

(Autore: pambianconews.com)
Il gruppo H&M muove a passi spediti verso la trasparenza online e lo fa tramite Arket, il nuovo brand del gruppo che solo qualche giorno fa ha inaugurato il primo store a Londra e che ha in programma un piano serrato di aperture in tutto il mondo.

arket

Come si legge su Quartz, sul sito online del marchio, attivo dallo scorso 25 agosto, per ogni capo in vendita non solo è specificato il “Made in”, ma viene anche fornita la localizzazione esatta della fabbrica che ha prodotto l’articolo. La mossa, impensabile soltanto fino a qualche anno fa, risponde alle richieste sempre più pressanti da parte dei consumatori in termini di sostenibilità ed ‘etica’. I dettagli sulla produzione, si legge sul sito, vengono aggiornati periodicamente.

Si tratta di un passo avanti non indifferente, soprattutto perché è plausibile che questa policy venga poi allargata a tutti i marchi del gruppo, e di conseguenza possa indicare una strada per tutto il fast fashion.

Quartz, tuttavia, fa notare come il solo nome della fabbrica non sia ancora sufficiente. Spesso, infatti, alcune fabbriche subappaltano ad altre fabbriche la produzione dei capi oltre al fatto che, in mancanza di standard davvero uniformi su cosa si possa ritenere ‘etico’ o ‘sostenibile’ e di controlli di terze parti, molte delle fabbriche utilizzate dai brand ancora non possano definirsi del tutto in regola. H&M, da parte sua, già in passato ha provato a monitorare i propri partner chiedendo loro di aderire al suo ‘Sustainability Commitment’, una sorta di codice che chiede ai suoi contoterzisti di rispettare.

Per il momento, il segnale lanciato attraverso Arket è comunque incoraggiante. Si aspettano mosse simili da altri player del mass market e, auspicabilmente, anche del lusso.

Fonte: pambianconews.com

(Autore: Alessandra Bonaccorsi)
Prosegue l’espansione dell’insegna Sephora che continua le aperture sul territorio puntando su un format in grado di coniugare tradizione e innovazione.

sephora

Il nuovo negozio sarà realizzato all’interno del centro commerciale Mondojuve di Nichelino, in provincia di Torino. Il brand francese, appartenente al gruppo Lvmh, inaugurerà lo store il 7 settembre. La struttura si sviluppa su uno spazio di circa 250 mq, con l’iconico decor bianco e nero e una planimetria pensata per valorizzare la shopping experience.

Pronto alla riapertura anche il beauty store Sephora di Monza in Via Italia 48 che, dopo una breve chiusura dovuta ai lavori di restyling,  riapre i battenti il 7 settembre.

Fonte:gdoweek.it

(Autore:affaritaliani.it)
Il colosso Usa dell’e-commerce Amazon, che lunedì perfezionerà l’acquisizione di Whole Foods Market, lancia già una prima ondata di super sconti.

amazon25

Amazon fa tremare il settore della grande distribuzione, in particolare quella alimentare, preannunciando un taglio dei prezzi delle banane, degli avogado e di altri prodotti venduti dalla catena bio Whole Food, che ha acquistato per circa 14 miliardi di dollari.

“Abbasseremo i prezzi di Whole Foods senza compromettere la qualità dei prodotti” fa sapere Jaff Wilke, numero uno di Amazon Worldwide Consumer. Amazon metterà in pratica la sua nuova politica dei prezzi a partire da lunedì quando l’acquisizione di Whole Food sarà completata. La notizia è suonata come il preannuncio di una guerra dei prezzi e i titoli delle imprese del settore alimentare in Borsa hanno segnato il passo.

Amazon annuncia che a Whole Foods effettuerà dei tagli dei prezzi “su una selezione di prodotti alimentari di base… con altri tagli a venire”. Lo spettro di una guerra dei prezzi nell’alimentare ha già spazzato via circa 11 miliardi di dollari di capitalizzazione di mercato in alcuni dei più grandi supermercati del settore.

L’annuncio di Amazon inoltre era atteso, visto che Whole Foods, prima della sua acquisizione, aveva fama di essere un supermercato esclusivo e molto caro. Alla Borsa di Londra il titolo di Tesco e’ in calo dell’1,8% e qello di Sainsbury dell’1%. Whole Food non ha una forte presenza in Gran Bretagna ma Amazon intende far rientrare i suoi prodotti disponibili a Londra per le consegne a domicilio. Inoltre Amazon intende in tegrare il sistema di vendita di Whole Foods al suo servizio Amazon Prime.

Fonte: affaritaliani.it